Condividi questo lavoro:

Talee

Teatro dei Luoghi

Talee

Pageant tragicomico che racconta l'uomo contemporaneo stritolato tra sacrificio e ambizione.

Ideato e diretto da Francesco Bondì

“Divinità ingannevole: unica possibile. Capricciosa, sleale, incostante, e sé ignara; per cui necessitano propiziazioni di sangue e sperma, esercizi di insonnia e sperma, monotonia di lamentazioni e sperma. Occorre la sevizia a fare un dio. Dio coabita col caprone bisulco; adòrane la barba scarmigliata e senile – è chiaro?

Si introna nella femmina la slealtà essenziale. Dunque, la libertà del divino. Accoglie assensi, li approva e travisa. Costei, che con gesto di natiche ti sollecitò alla supplica, protesta, schermisce, assente, e te fa persuaso con adesione del corpo incolloso, con pesante intervento di saliva, con diteggiare lascivo e casuale; tu irretito ti celebri sua hostia; e quella allora principia a fartisi infedele: ruotano le sue cosce ad altra preda, ad altre decime e regalie.

Dunque: la magalda, infedele è dolosa divinità a se medesima; si umilia a vas sacrificale, ti si fa ancella e martire, la lussuriosa si fa agnelliforme, scottadito per tuo interiore nutrimento”.

Da Hilarotragedia di Giorgio Manganelli

Talee
Image Title
Image Title

Image Title
Image Title
Image Title
Image Title

Image Title
Image Title
Image Title

Image Title
Image Title
Image Title

Image Title